La digitalizzazione degli atti giudiziari e la memoria delle stragi: il 24 giugno si racconta l’esperienza realizzata a Bologna

Dalla conservazione della memoria al servizio della giurisdizione: lunedì 24 giugno, alle ore 18.30, alla Sala delle Colonne di Palazzo Pizzardi, in via Farini 2, si parlerà di “Digitalizzazione degli atti giudiziari” e dell’esperienza realizzata a Bologna.

1.018 faldoni e oltre 86 scatole per un totale di 190 metri lineari per oltre un milione di immagini: a seguito del protocollo d’intesa fra il Tribunale di Bologna e l’Archivio di Stato di Bologna in data 6 dicembre 2011, è stato realizzato il progetto volto alla conservazione della memoria dei gravi fatti di terrorismo e di eversione, giudicati dalla Corte d’Assise, che nel corso degli anni hanno segnato la città. Tra questi, i più noti riguardano la strage della Stazione di Bologna del 2 agosto 1980 e l’attentato al treno Italicus.

A Vado, nel Comune di Monzuno, c’è La ciappineria di comunità

Qualcuno si ricorderà del libro Bar Sport di Stefano Benni, e del personaggio di Bovinelli, il tuttofare, il ciappinaro per eccellenza, colui che, la prima volta che si presentò al bar, chiese se qualcuno avesse “scarpe da risuolare, gomme da vulcanizzare o biciclette da riparare”. Il ciappinaro, nella tradizione bolognese, è colui che con maestria artigiana sa fare tutti i lavori di riparazione domestica, i cosiddetti ciappini. Ammettiamolo: chi non ha mai desiderato avere un ciappinaro a disposizione?

Il 25 giugno a Bologna si parla di "Longevità, una sfida per la comunità", a partire dal libro “2032: idee per la longevità”

Gli italiani sono fra i popoli più longevi al mondo, e la longevità è proprio una delle sfide dei prossimi anni, che non riguarda solo i singoli soggetti ma tutto il mondo sociale che c’è intorno. Proprio “Longevità, una sfida per la comunità” è il titolo scelto per la prossima presentazione del libro “2032: idee per la longevità”.

Appuntamento martedì 25 giugno, alle ore 15, presso il Centro Sociale Ricreativo Culturale “Nello Frassinetti”, in via Andreini 18 a Bologna.

L’incontro, organizzato da Auser Bologna, vuole ragionare sui nuovi scenari di vita collettiva che ci aspettano, a partire dalla raccolta di brevi saggi sull’invecchiamento e la longevità della popolazione curata da Auser Emilia Romagna e Spi Cgil.

Nel nuovo spot Auser il valore inestimabile degli anziani attivi

In occasione del Trentennale di fondazione dell’Auser (1989-2019) Auser ha realizzato un nuovo spot di 30 secondi “Il tempo dà valore alle cose, una vita attiva dà valore alle persone”.

L’obiettivo è di sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sull’Invecchiamento Attivo e valorizzare il ruolo delle persone anziane nella vita sociale, civile, economica e culturale del Paese.

Si è cercato di ribaltare una considerazione ancora molto diffusa: quella che vede gli anziani come soggetti non più attivi nella società, un peso.

Al centro dell’idea creativa dello spot la metafora di come gli oggetti antichi e unici acquistano valore, e anche le persone anziane che hanno una vita attiva acquistano valore per sé e per gli altri col passare del tempo. Un valore inestimabile.

"Apri la mente": sabato 18 maggio l'assemblea regionale del Terzo settore

"Apri la mente. Il  ruolo del volontario nel Terzo settore che cambia" è il titolo della Assemblea del Terzo settore in programma sabato 18 maggio dalle ore 9.15 alle 17.00 nella Sala XX Maggio 2012 della Regione (viale della Fiera 8, Bologna). 

Si tratta della prima Assemblea organizzata, assieme alla Regione, dall'Osservatorio Regionale del Terzo settore, nato dal percorso di unificazione degli Osservatori del volontariato e della Promozione sociale, come strumento per supportare la Conferenza del Terzo settore e la Regione nel raccogliere e analizzare dati e tendenze delle diverse anime del no profit. 

Il 16 e 17 maggio a Cattolica la Conferenza di organizzazione di Auser Emilia Romagna

La buona longevità come modello culturale: è questo il tema scelto per la prossima Conferenza di organizzazione di Auser Emilia Romagna, in programma il 16 e 17 maggio a Cattolica, presso il Waldorf Palace Hotel, in via Gran Bretagna 10.

La due giorni prende spunto dal progetto sulla buona longevità che Auser Emilia Romagna sta portando avanti da diversi mesi, con varie azioni, a partire dal libro "2032: idee per la longevità", la pubblicazione realizzata da Auser ER e Spi Cgil sul tema dell’invecchiamento della popolazione e sulle sfide della comunità del futuro.

Gli appuntamenti di maggio e giugno con il “Salotto della Stazione”, le conferenze con the e pasticcini di Auser Bologna

Proseguono fino all’estate gli incontri del “Salotto della Stazione”, le conferenze con the e pasticcini promosse dal Gruppo di Borgo Panigale – Reno di Auser Bologna. L’appuntamento è come sempre il giovedì pomeriggio dalle 15 alle 17 nella saletta della stazione di Borgo Panigale, in via Marco Celio 23 (tranne dove diversamente indicato).

Giovedì 2 maggio, insieme a Maria Rosa Bedini, si parlerà di Caravaggio, tra genio e sregolatezza, mentre mercoledì 8 maggio si svolgerà la visita guidata sul Caravaggio presso la parrocchia di S. Ruffillo (ritrovo alle ore 9.30 davanti alla Chiesa in via Toscana 146).

Ricomincia “Buona longevità”, gli appuntamenti al cinema promossi da Auser e pensati per i più longevi

Dopo l’enorme successo della prima edizione, dall’8 aprile al 27 maggio torna “Buona longevità”, la rassegna cinematografica promossa da Auser Bologna e Auser Emilia Romagna, in collaborazione con la Cineteca di Bologna.

Altri sette appuntamenti, ogni lunedì alle ore 15, pensati per i più longevi: in programma sei tra le migliori commedie italiane ed europee recenti, che spaziano dal farsesco al surreale, dal tragicomico al grottesco, con splendidi, originali ritratti femminili, e una anticipazione del festival Il Cinema Ritrovato.

Tutte le proiezioni si tengono al Cinema Lumière, Piazzetta Pasolini 2b, sono in versione italiana e hanno un costo di 3 euro.
Al termine di ogni appuntamento è previsto un buffet con i biscotti del Forno Brisa e una breve visita guidata alla Biblioteca Renzo Renzi.

Le nonne e i nonni sono solo baby sitter anziani? Tre incontri sulla funzione educativa dei nonni

Le nonne e i nonni sono solo baby sitter anziani? Il gruppo Auser di Borgo Panigale organizza tre incontri sulla funzione educativa dell’essere nonni oggi. Si parlerà dello scambio generazionale, tra risorse e fatiche, ma anche della bellezza della riscoperta dell’infanzia, e del momento di passaggio tra la crescita dei nipoti e il nuovo rapporto con i nonni.

Gli incontri si terranno tutti di mercoledì, a cadenza settimanale, dalle ore 15 alle 17, all’interno della stazione di Borgo Panigale in via Marco Celio 23, e saranno condotti da Giuseppina Speltini, docente di Psicologia dell’adolescenza all’Università di Bologna – Dipartimento di Scienze dell’Educazione.

Programma

Mercoledì 20 marzo
I nonni: lo scambio intergenerazionale tra risorse e fatiche

Pages